Isolamento termico e resistenza alle intemperie

infissi e materiali
Infissi e materiali: i consigli dell’esperto
febbraio 16, 2019
Edilizia a basso consumo L’esperienza di Marco Lapi
marzo 22, 2019

Come scegliere gli infissi più adatti

I consigli dei professionisti Isa Project

Le finestre e gli infissi sono elementi strutturali importantissimi in una casa. La scelta di questi elementi non è per niente scontata ma, anzi, va ponderata nel migliore dei modi, non solo per gli aspetti estetici della casa ma soprattutto per ottenere livelli alti di isolamento della propria abitazione. Ad approfondire questo tema è Salvatore Usella, Co-founder e project manager di Isa Project. Quale vetro consiglia di scegliere?

«Il vetro può fare la differenza nella selezione dei serramenti. La lista delle tipologie più comuni di vetro usati in questo ambito comprende il basso emissivo, ideale per le zone fredde; i riflettenti, che respinge i raggi solari; il vetrocamera, o doppio vetro, che isola termicamente e acusticamente; i blindati, per una maggiore protezione contro le effrazioni».

Anche l’illuminazione ha un suo peso nella scelta dei serramenti?

«L'illuminazione in una casa è uno dei fattori principali da tenere in considerazione, durante la scelta degli infissi. Una scelta che dipende molto dall’esposizione dell’ambiente. Anche perché oltre all’illuminazione in sé, intesa come quantitativo di luce che entra in casa, bisogna considerare anche l'eccessivo soleggiamento che potrebbe comportare un surriscaldamento dell’ambiente, generando una situazione di malessere per le persone che abitano quello spazio. Dunque, è fondamentale che i vari ambienti della casa possano godere di una buona illuminazione ma va studiata ad hoc in virtù della loro funzione. In fase di progettazione è meglio prevedere infissi dalle superfici sufficientemente ampie per la cucina, la zona pasto e i vani soggiorno».

Senza dimenticare la buona tenuta alle intemperie…

«Un buon serramento, qualsiasi sia il materiale scelto per la sua realizzazione, deve proteggere l’ambiente interno e le persone che lo occupano dagli agenti atmosferici, come pioggia, vento, neve e anche eccessivo soleggiamento. Tutta questa attenzione rispetto alla tenuta degli infissi, qualsiasi essi siano, serve a garantire un buon livello di isolamento termico, in modo da ottenere un risparmio energetico. Riducendo di conseguenza i costi di riscaldamento e condizionamento. Quando si parla di tenuta e isolamento riferite agli infissi la normativa tecnica da prendere in considerazione è “Isolamento a tenuta all’aria secondo la norma UNI-EN 12207”; “Tenuta alle infiltrazioni d’acqua secondo la norma UNI-EN 12208”; “Resistenza alle sollecitazioni del vento secondo la norma UNI-EN 12210”; “Isolamento termico secondo la norma UNI-EN 10077/2”.

L’isolamento termico quali requisiti prevede e come funziona?

«Gli infissi esterni qualsiasi essi siano, rappresentano un punto di discontinuità della struttura ed è per questo motivo che, se installati nella propria abitazione, devono garantire un buon isolamento termico. Dovranno quindi evitare la formazione di ponti termici, che sono la principale causa di dispersioni di calore e quindi, conseguentemente, di un notevole dispendio energetico, provocando alti consumi per il riscaldamento e per il condizionamento degli ambienti stessi. I requisiti per l’isolamento termico stabiliti per legge variano da regione a regione, questo perché in Italia ogni località ha le sue caratteristiche climatiche. Oltre ai requisiti per poter garantire l'isolamento, la normativa di riferimento regola anche le caratteristiche che un infisso deve avere per poter accedere, nei casi di ristrutturazione, alle relative detrazioni fiscali».

IT