Trasferta a Klimahouse 2019: il bilancio di Isa Project

Alessio Agnoletti architetto Edilizia passiva
Alessio Agnoletti, architetto del Valdarno «Edilizia passiva: il futuro è arrivato»
febbraio 1, 2019
infissi e materiali
Infissi e materiali: i consigli dell’esperto
febbraio 16, 2019

Grande successo dell’iniziativa e tante idee innovative da cui prendere spunto

Lo staff dell’azienda fiorentina: «Grande successo dell’iniziativa e tante idee innovative da cui prendere spunto. Una tra tutte il monoblocco VMC di Roverplastik, in grado di rinnovare costantemente e in maniera intelligente l’aria all’interno dell’abitazione»

Una visione a 360 gradi sul mondo della casa efficiente e del costruire secondo i criteri di sostenibilità. Questa la prospettiva offerta ai visitatori nell’edizione 2019 di Klimahouse, la fiera di riferimento nazionale per l’edilizia alternativa, che si è svolta qualche giorno fa a Bolzano. Nell’occasione, Isa Project è andata in trasferta da Firenze alla fiera con un gruppo selezionato di architetti e progettisti, offrendo loro l’opportunità di partecipare ai convegni, fare networking, conoscere le tecnologie innovative, con particolare attenzione alle normative vigenti sull’efficienza energetica. Lo staff di Isa Project racconta quest’esperienza, com’è nato il progetto, con quali obiettivi e qual è stato il riscontro ottenuto.

Com’è nata l’idea di portare dei professionisti a Klimahouse?

«L’idea è nata dal desiderio di far conoscere la nostra realtà, i nostri prodotti e soprattutto informare i professionisti sulle nuove tecnologie legate all’efficientamento energetico in campo edilizio. Tutto ciò facendo quindi toccare con mano i prodotti e facendo conoscere le aziende che rappresentiamo. E questo in un contesto in cui viene posta l’attenzione a problematiche che consideriamo importanti e che vorremmo trasmettere e condividere con chi lavora con noi. Il concetto di “casa clima”, per esempio, prevede un’importante innovazione nelle costruzioni, concepite con l’obiettivo di ridurre al minimo i consumi, ponendo attenzione alla salute dell’uomo. Inoltre, abbiamo organizzato questa trasferta per creare una rete di architetti e progettisti della zona, per instaurare rapporti con loro e permettere agli stessi di scambiarsi opinioni e pareri, favorendo così il networking».

Qual è stata la risposta dei professionisti?

«Molto positiva. Gli inviti sono stati accolti con entusiasmo, alcuni colleghi di architetti che sono stati invitati hanno chiesto spontaneamente di partecipare e molti hanno espresso il desiderio di essere ricontattati in caso di altre iniziative».

Come è andata l'iniziativa?

«La giornata è stata molto interessante: durante il viaggio molti professionisti hanno avuto modo di conoscersi, scambiarsi esperienze e pareri legati alle loro attività. Alcuni non avevano mai visitato la fiera e hanno potuto approfondire temi importanti durante le conferenze, per esempio le normative vigenti in ambito di efficienza termica e acustica di infissi e serramenti».

Cosa vi ha colpito di più?

«Per quanto riguarda l’iniziativa il coinvolgimento dei partecipanti, il loro interesse sulle tematiche e l’atmosfera di condivisione che si è creata nel gruppo. Relativamente alla fiera, una delle soluzioni più performanti è stata l’innovazione tecnologica del monoblocco VMC (ventilazione meccanica controllata) di Roverplastik, in grado di rinnovare costantemente e in maniera intelligente l’aria all’interno dell’abitazione. Questa tecnologia permette un corretto ricambio d’aria evitando l’apertura delle finestre, diminuendo così la dispersione del calore con un conseguente risparmio energetico e un aumento del valore dell’edificio. Grazie alla collocazione all’interno del foro finestra inoltre, il risparmio economico è più vantaggioso e la manutenzione meno invasiva rispetto alla ventilazione meccanica controllata centralizzata. La VMC può essere applicata anche solo ad alcune finestre, per esempio nelle camere da letto e nei bagni, dove spesso si presentano problematiche legate al ricambio d’aria, come muffe, umidità, aria viziata».

Rifarete in futuro altre esperienze simili?

«Sicuramente sì, sia nelle fiere di settore che nelle sedi delle aziende che rappresentiamo, per conoscere i prodotti da vicino e i processi di produzione».

Chi fosse interessato a partecipare in futuro cosa deve fare?

«Basta iscriversi alla nostra newsletter cliccando questo link per rimanere sempre aggiornati sulle nostre iniziative oppure è possibile contattarci tramite mail a info@isaproject.it, indicandoci il proprio interesse a partecipare ad altre trasferte».

IT